Prima la Comunità -

Libro Azzurro: Siamo sulla stessa barca

di Franco Prandi, Direttivo Prima la comunità

Nel 2018 è nata la Campagna “2018 Primary Health Care Now or Never” con lo scopo dichiarato di esplorare la possibilità di trasformare il sistema delle cure primarie italiane secondo i principi di Alma Ata (OMS 1978), e in particolare secondo l’approccio di Comprehensive Primary Health Care, basato sull’alleanza di tutte le componenti professionali, istituzionali e sociali delle comunità locali e finalizzato ad una presa in cura integrale delle persone. Per approfondimenti vedere il sito: https://2018phc.wordpress.com/

Quattro anni di lavoro di ricerca e confronto tra diversi approcci internazionali alla Primary Health care hanno permesso di cogliere i punti di forza e le migliori evidenze scientifiche per supportare il cambiamento. È da questo intenso studio e dalla scrittura collettiva di diversi professionisti sanitari che nasce il Libro Azzurro con l’obiettivo di legittimare un cambiamento che è prima di tutto valoriale, e dal quale far scaturire nuove scelte organizzative e percorsi professionali. Nel Libro Azzurro, infatti, la salute è intesa come bene comune della collettività da costruire e alimentare continuamente, attraverso una attiva partecipazione che parte dall’ascolto e arriva alla costruzione condivisa di percorsi di cura, nella logica dell’avere cura gli uni degli altri attraverso la condivisione di competenze, valori e obiettivi comuni.

Il Libro Azzurro è stato scritto attraverso un percorso partecipato da oltre 200 persone, in prevalenza giovani medici, ma non solo, ed è a disposizione della comunità, dei professionisti e di quanti hanno a cuore il futuro del sistema di welfare e in esso del Servizio sanitario nazionale. È consultabile sul sito https://sites.google.com/view/il-libro-azzurro-della-phc/ con ampi spazi per contribuire a arricchirlo e migliorarlo

La nostra Associazione, fin dalla sua nascita ha avuto modo di confrontarsi in modo informale con il Movimento e si ritrova nel “Libro Azzurro”: lo considera uno strumento formidabile di lavoro comune.
La “scommessa” comune è costruire spazi condivisi di confronto, approfondimento e sperimentazione. Spazi da costruire nei contesti locali, insieme con quanti hanno a cuore un Welfare di comunità che prenda a riferimento il valore della persona e il benessere individuale e collettivo.